Seo&Love: l’arrivo a Verona della tribù digitale

 

Io l’ansia l’ho riportata con me a casa. A cominciare dalle discussioni con la mia socia bionda e con Gelindo per chi dovesse scrivere questo articolo. Figurarsi. Nemmeno a parlarne! L’anzianità varrà a qualcosa!

Verona è bellissima. Questo dobbiamo dirlo, e Salvatore Russo & Co non avrebbero potuto scegliere una città migliore per organizzare un evento con i fiocchi come è stato il Seo&Love del 17 febbraio. Nella città scaligera siamo arrivati come le formiche sullo zucchero. La sera prima della partenza, mentre ero al buio nella mia stanza, immaginavo quante valigie pronte, quanti vestiti stirati, quante cose pesanti inutili le donne digitali del sud stavano spiaccicando nei bagagli (visto che a Verona ha fatto caldo e noi sembravamo tanti Totò e Peppino in visita).

“ricordati il pigiama felpato! Non scordare le calze in microfibra 200 denari (quelle che quando le infili ti ritrovi pronto per essere infornato come il rollè di zia Santina) portalo il passamontagna che usava tuo cugino Carmelo vedi se lo ritrova che te lo metti sicuro!”

A Verona, al nostro arrivo, c’erano 18 gradi e siamo scese dal treno delle 15 e 30 con un principio di morbillo da calore. Io, Monia e Gelindo abbiamo subito riabbracciato la nostra metà bionda, Valentina e siamo andati nella meravigliosa Wine Suite prenotata alle spalle del Palazzo della Gran Guardia dove, il giorno dopo, si sarebbe svolto l’evento. Nel frattempo stavano arrivando, da ogni parte dello stivale, uomini e donne da nord a sud, una tribù digitale: più di 600 persone!

Non potevamo incontrare tutti ma con 279 di loro abbiamo fatto la prima gita serale dopo un piccolo riposino. Appuntamento alle 20 sotto l’arco dell’orologio e si parte per l’escursione notturna di Verona.

FERMI TUTTI! Questi ci hanno rubato il Colosseo! Anzi… nel trasporto si è rotto! Ci manca un pezzo!

In effetti ci spiegano che l’edificio tutto buchi, simile all’Anfiteatro Flavio è l’Arena, il simbolo della città: sembra poggiata lì per caso, tra le vie eleganti tutto marmi e luci, e il traffico cittadino. L’aperitivo è in Piazza delle Erbe (che non sono erbe da fumare ma erbe tipo mentuccia che mettono nel mojito) e poi diritti a cena in un locale tipico dove consumiamo menù A e menù B (io non ho capito se ho mangiato A o B ma era buono).

Di seguito elencate le varie attività svolte durante la serata:

  • selfie
  • selfie di gruppo
  • foto a Gelindo che beve l’Amarone
  • foto a Gelindo che sviene sulla tazza di caffè
  • furto di cibo dal piatto dei commensali vicini
  • gara versamento Amarone sulla tovaglia
  • gara di selfie
  • gara di velocità di repost su Instagram
  • ripasso degli hashtag ufficiali
  • conto
  • varie ed eventuali

Terminata l’abbuffata ci trascinavamo verso le rispettive abitazioni svuotando il centro cittadino della tribù digitale in pena, accaldata, stanca ma eccitata dall’evento del giorno dopo!

Il Team Cosedabionda continuava al terzo piano del palazzo del settecento, ubicazione della Wine Sweet (avete capito bene… praticamente una suite ubriaca) a giocare a morra cinese per il possesso della stanza matrimoniale. Indovinate chi ha perso? Io, naturalmente. Non brillo in velocità e le mie due compagne di viaggio, una volta conquistato il bottino, si fiondavano sul letto king size salutandomi in tutta fretta. Io rimanevo nella living room (che fa più figo visto l’ambiente molto ricercato) a ticchettare sui tasti in compagnia di Gelindo.

Dopo un po’ decido anche io di abbracciare Morfeo e spengo la luce. Mi addormento pensando a tutte le persone che avrei rivisto domani, a cosa avrei imparato e a quanta gente nuova avrei stretto la mano. Intanto, dalla stanza accanto, movimenti strani e lamenti di gente che non dorme.

Il mio lettino sarà piccolino ma come si sta bene da sole… vero Gelindo mio?

 

(fine prima puntata)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Un commento su “Seo&Love: l’arrivo a Verona della tribù digitale”

Questo sito web fa uso di cookie per migliorare la navigazione. Per continuare a navigare clicca su "Accetta". Maggiori informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close